FBI fa il contropelo alle botnet

Posted on dicembre 6, 2007. Filed under: News |

Roma – L’hanno chiamata Operazione Bot Roast II e stavolta ha varcato l’oceano: l’FBI continua a fare pressione sui cattivoni delle botnet, e fino a questo momento ne ha mandati dentro almeno otto. Uno in particolare, il 21enne Ryan Brett Goldstein, sarebbe il complice del genietto neozelandese interrogato la scorsa settimana nel suo paese.

Questa volta, poi, si parla chiaramente di denaro: ci sarebbero in ballo transazioni per oltre 13 milioni di euro, soldi ottenuti illecitamente sottraendoli ai conti correnti di sprovveduti navigatori cascati nel vecchio trucco del keylogger. Ma gli investigatori sostengono di essere riusciti anche a scovare i mandanti di truffe milionarie, legate al phishing e alla vendita di dati personali.

Per il direttore dell’FBI, Robert Mueller, gli arresti sottolineano la minaccia crescente delle reti di PC zombie: “L’operazione Bot Roast II ha rivelato la mutevole e complessa natura dei crimini commessi attraverso le botnet”. Crimini dunque in aumento, ma Mueller assicura che l’FBI continuerà a “cercare i responsabili” che minacciano la tranquillità dei navigatori.

L’anello debole per i federali restano i netizen: “Il problema è che c’è un sacco di gente che si compra un computer e lo collega ad Internet, senza la minima idea di cosa sia sicuro e cosa non lo sia” spiega Paul Bresson, portavoce del bureau. Eppure le risorse online per informarsi sui rischi, gratis, non mancano: “Cerchiamo di incoraggiare il pubblico ad installare antivirus e firewall: è qualcosa che dovrebbe fare chiunque possieda un computer”.

Sul sito dell’FBI tutti i nomi e i dettagli sui coinvolti in Bot Roast II.

Fonte.

Make a Comment

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Liked it here?
Why not try sites on the blogroll...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: